News

POPOLARE SONDRIO. CDA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2023, UTILE NETTO PIÙ CHE RADDOPPIATO

today9 Maggio 2023 77

Background
share close






italia sondrio piazza garibaldi header 49747

CDA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2023UTILE NETTO PIÙ CHE RADDOPPIATO A € 94,4 MILIONI – ROE ALL’11,1%FORTE CRESCITA DELL’ATTIVITÀ BANCARIA CARATTERISTICA(€ 288,5 milioni; +16,5% a/a)CRESCITA SOSTENUTA DEL MARGINE DI INTERESSE(€ 192 milioni; +23% a/a)COMMISSIONI NETTE IN RIALZO(€ 96,5 milioni; +5,5% a/a)SOSTEGNO TANGIBILE A FAMIGLIE E IMPRESE(oltre € 1,2 miliardi le nuove erogazioni)ELEVATA EFFICIENZA OPERATIVA, COST/INCOME RATIO AL 40,9%CET1 RATIO AL 15,3%1 E TOTAL CAPITAL RATIO AL 17,8%1SOLIDA POSIZIONE DI LIQUIDITÀ: LCR AL 155%MARIO ALBERTO PEDRANZINI CONFERMATO CONSIGLIERE DELEGATOPER IL TRIENNIO 2023–2025ROE TARGET 2023 > 9% ALLINEATO ALL’OBIETTIVO 2025 DELPIANO “NEXT STEP 2022–2025”

“I risultati del primo trimestre di quest’anno sono motivo di particolare soddisfazione peril Gruppo Banca Popolare di Sondrio.

Registriamo un utile netto di oltre € 94 milioni, piùche raddoppiato rispetto al periodo di confronto dello scorso anno.

Ciò conferma il tangibile valore del nostro business model: siamo una banca che fabanca, in grado di cogliere le opportunità offerte da un contesto in continua e rapidaevoluzione”, ha dichiarato Mario Alberto Pedranzini, Consigliere delegato e Direttoregenerale di Banca Popolare di Sondrio. “Accompagniamo le imprese clienti, in primis,nei territori in cui siamo presenti e siamo al loro fianco per favorirne i percorsi di crescita,pure sui mercati internazionali.

Sosteniamo le famiglie e curiamo i loro risparmi,ricambiando la loro fiducia.

Gestiamo con attenzione il credito, presidiando il costo delrischio e tenendo sotto controllo le ricadute sul sistema del crescente aumento dei tassi.L’Assemblea annuale della banca tenutasi pochi giorni fa ha evidenziato un sostegnonetto degli Azionisti all’operato del Consiglio di amministrazione.

Raccolgo volentieri lasfida di un nuovo triennio come Consigliere delegato, orgoglioso di una squadra che siimpegna a produrre risultati importanti e sostenibili nel tempo”.

Sondrio, 9 maggio 2023 – Il Consiglio di Amministrazione, riunitosi in data odierna, haesaminato e approvato il resoconto intermedio di gestione consolidato al 31 marzo2023.

Il Consiglio ha, inoltre, confermato nella carica di Consigliere delegato, per iltriennio 2023– 2025, il cav.

uff.

rag.

dott.

Mario Alberto Pedranzini e nella carica divicepresidente il dottor Lino Enrico Stoppani, dopo che l’Assemblea dei Soci dello scorso29 aprile ha proceduto al rinnovo di cinque amministratori.

Il rinnovato Comitatoesecutivo risulta così composto: Stoppani dott.

Lino Enrico – Vicepresidente, Pedranzinicav.

uff.

rag.

dott.

Mario Alberto – Consigliere delegato, Ferrari dott.

Attilio Piero –consigliere anziano, Falck dott.

ing.

Federico, Credaro Loretta.

Per l’Italia il contesto macroeconomico in avvio d’anno si è confermato improntato allacrescita delle attività produttive e del reddito nazionale, pur continuando a risentire diforti pressioni inflazionistiche e delle incertezze geopolitiche legate al perduranteconflitto russo–ucraino.

In tale scenario, il Gruppo Banca Popolare di Sondrio hadimostrato di essere ben attrezzato per cogliere adeguatamente le opportunità disviluppo facendo registrare un utile netto di 94,4 milioni di euro.

Di seguito, vengono riportati alcuni dettagli sugli indicatori economico–finanziari dimaggior rilievo:• il risultato netto di periodo, positivo per € 94,4 milioni, riflette il forte incrementodei proventi dell’attività bancaria caratteristica che si attestano a € 288,5 milioni(+16,5% rispetto al 31 marzo 2022; margine di interesse +23% e commissioni nette+5,5%).

Esso incorpora altresì un positivo contributo delle attività finanziarie per €30,5 milioni (+75%) e sconta significativi oneri per la stabilizzazione del Sistemabancario pari a € 35 milioni, in ulteriore incremento rispetto al periodo di confronto(€ 30 milioni al 31 marzo 2022);• i ratios patrimoniali1 si confermano su livelli particolarmente elevati.

Nella versionephased–in, il CET1 ratio e il Tier1 ratio si posizionano al 15,3%, mentre il Total Capital ratio risulta pari al 17,8%.

In versione fully loaded i coefficienti segnanorispettivamente 15,2% e 17,8%;• di rilievo l’attività di acquisizione di crediti fiscali (superbonus/sisma bonus,ecobonus, altri bonus) che ha raggiunto uno stock pari a oltre 2,1 miliardi di euro,destinato a incrementarsi ulteriormente in ragione delle operazioni attualmenteoggetto di istruttoria;• rafforzato il percorso di sostenibilità della banca con l’integrazione dei fattori ESGall’interno del Piano Industriale.

L’impegno costante è stato recentementericonosciuto dall’agenzia indipendente Standard Ethics, che ha alzato l’outlook da“stabile” a “positivo”, confermando il corporate rating (EE) e il rating di lungoperiodo (EE+).

Il Gruppo ha recentemente pubblicato il primo Report secondo leRaccomandazioni della Task Force on Climate-Related Financial Disclosures (TCFD) eha definito un primo set di target ESG, ponendo particolare attenzione alla riduzionedelle emissioni di CO2;• l’incidenza dei crediti deteriorati lordi, come sintetizzato dall’NPL ratio lordo, siattesta al 4,3% (rispetto al 5,7% del marzo 2022).

Al netto delle rilevanti coperture,l’incidenza delle esposizioni deteriorate si attesta all’1,8% rispetto al 2,5% del marzo2022;• i tassi di copertura del credito deteriorato si incrementano ulteriormente.

Rispettoal 31 dicembre 2022, il coverage ratio del totale crediti non performing sale al60,4% dal 58,3%, quello riferito alle sole posizioni classificate a sofferenza si collocaall’81,5% dal 76,5%, raggiungendo il 93,8% con l’inclusione degli importi passati aconto economico in anni precedenti su posizioni già a sofferenza per le quali simantiene un’evidenza contabile, a fronte di una prospettiva di eventuali recuperi.

Illivello di copertura delle inadempienze probabili si conferma stabile al 51,2%.

Il tassodi copertura del credito in bonis aumenta allo 0,50% dallo 0,45% di fine 2022;• il costo del rischio si attesta a 49 punti base, sostanzialmente in linea con i 51 puntibase del dicembre 2022.

Tale indicatore incorpora anche gli accantonamenticonnessi alle esposizioni di portafoglio verso imprese operanti in settori ad altoutilizzo di energia nonché quelli relativi a fattori di rischio ESG.

La qualità degli attivisi conferma sotto controllo con un tasso di decadimento a livello di Capogruppoappena superiore all’1%, stabile rispetto a fine 2022;• il Texas ratio, rapporto tra il totale dei crediti deteriorati netti e il patrimonio nettotangibile, si riduce ulteriormente, posizionandosi al 16,6% dal 18,2% di fine dicembre2022;• la raccolta diretta da clientela risulta pari a € 39.045 milioni, in riduzione rispettoagli € 41.771 milioni di fine 2022 (-6,5%).

Sostanzialmente stabile il volume dellaraccolta retail, con una ricomposizione tra raccolta a vista, raccolta a termine eprestiti obbligazionari; marginali i deflussi relativi a principali depositanti e a casse diassistenza e previdenza.

Scorporando dall’aggregato la componente della raccolta(Pronti Contro Termine) da controparti centrali garantita da titoli, la variazione dainizio anno si ridurrebbe a -4,5%;• la raccolta indiretta pari a € 41.612 milioni, in incremento rispetto agli € 39.059milioni di fine 2022 (+6,5%), beneficia pure del positivo andamento dei mercati finanziari registrato nel primo trimestre dell’anno.

Il risparmio amministrato cifra €34.974 milioni rispetto agli € 32.672 milioni del 31 dicembre 2022 (+7%).

Il risparmiogestito risulta pari a € 6.638 milioni rispetto ai 6.386 milioni di euro di fine 2022(+3,9%) e, oltre alla predetta favorevole dinamica di mercato, incorpora una raccoltanetta positiva superiore a 100 milioni di euro;• la raccolta assicurativa ammonta a € 1.988 milioni rispetto agli € 1.958 milioni del31 dicembre 2022 (+1,5%) con una raccolta netta di circa 19 milioni di euro;• i finanziamenti verso clientela sono pervenuti a € 32.836 milioni, sostanzialmentestabili (-0,6%) rispetto agli € 33.020 milioni di fine 2022.

Le erogazioni del periodo sisono attestate a circa € 1,2 miliardi rispetto a € 1,4 miliardi del periodo di confronto(di cui oltre € 100 milioni assistite da garanzia statale);• gli indicatori di liquidità, sia di breve (Liquidity Coverage Ratio) sia di medio periodo(Net Stable Funding Ratio), si posizionano ben al di sopra dei requisiti minimiregolamentari;• si conferma positivo il contributo apportato al risultato netto di Gruppo da partedelle società controllate e collegate.

L’andamento economico del GruppoL’utile netto consolidato al 31 marzo 2023 è stato pari a € 94,4 milioni rispetto agli €40,3 milioni del periodo di confronto.

Tale risultato riviene da un utile lordo consolidatodi € 134,1 milioni, da cui vanno dedotte imposte per € 39,7 milioni, corrispondenti a untax rate del 29,6%.

Il margine di interesse si è attestato a € 192 milioni, in aumento del 23% rispetto al 31marzo 2022.

Per quanto attiene alla componente relativa all’attività con la clientela,oltre alla positiva dinamica del saldo medio di impiego, rileva pure il beneficio derivantedall’ampliamento dello spread commerciale.

Consistente il contributo derivante dalportafoglio titoli, con un flusso cedolare più che raddoppiato rispetto al periodo diconfronto, nonostante il minor contributo derivante dai titoli inflation-linked.

Negativala marginalità, calcolata come costo del funding al netto della remunerazionedell’eccesso di liquidità, riveniente dal finanziamento TLTRO III in essere con la BCErisultata pari a circa € 28 milioni a fronte del contributo positivo, pari a circa € 18 milioni,del primo trimestre del 2022.

Il margine di interesse scorporato della componente sopracitata avrebbe registrato un incremento annuo pari al 58,9%.

Le commissioni nette da servizi hanno cifrato € 96,5 milioni, mostrando un buonincremento (+5,5%) rispetto agli € 91,5 milioni del periodo di confronto.

In crescita i proventi rivenienti dai finanziamenti, dai servizi di incasso e pagamento, dalla tenuta egestione dei conti correnti, dalla bancassurance e, in generale, dall’operatività delServizio internazionale.







Written by: Radio TSN

Rate it

Previous post

career day 2023

News

CAREER DAY 2023. TERZA EDIZIONE IN PROGRAMMA A MAGGIO

Terza edizione per l’iniziativa di Confindustria Lecco e Sondrio e Confindustria Como, organizzata per fare incontrare studentesse e studenti degli Istituti tecnici e professionali che stanno completando il percorso formativo e le imprese È in programma sabato 13 maggio a Lariofiere il CAREER DAY 2023, l’iniziativa di Confindustria Lecco e Sondrio e Confindustria Como che metterà in contatto imprese ed alunne e alunni delle classi quarte e quinte degli Istituti […]

today9 Maggio 2023 58