News

Ospedale Morelli: progetti di sviluppo e il pieno sostegno di Regione e Asst. “Si lavora per il domani, non per l’oggi”

today7 Dicembre 2023 710

Background
share close






Foppoli Melazzini Bonizzoni

Un anno di lavoro, un Piano di sviluppo già definito, riorganizzazione in funzione dell’efficientamento, la produzione che cresce e una criticità, comune a tutta Italia, che, al momento, non consente di dare corso alle innovazioni previste. Ma si lavora per il domani, non per l’oggi, e quello che attualmente non è possibile realizzare lo sarà in futuro.
A un anno esatto dalla sua nomina a direttore del Presidio Ospedaliero di Sondalo, il dottor Mario Melazzini, questa mattina, ha incontrato la stampa per illustrare l’attività svolta e inquadrare il futuro, ribadendo il sostegno di Regione Lombardia e di Asst Valtellina e Alto Lario
. «Il Morelli, grazie alle modifiche del piano di organizzazione aziendale strategico, è al momento l’unico presidio Ospedaliero in Lombardia con un direttore con una propria autonomia gestionale, tecnica, organizzativa e finanziaria – ha spiegato -, e presto avrà anche un direttore medico. Regione e Asst sono al suo fianco ma dobbiamo essere realisti e agire di conseguenza. Non è stato facile riorganizzare e ottimizzare l’attività quotidiana, anche a causa di resistenze interne, ma la riorganizzazione è un passaggio fondamentale per il rilancio. L’aumento della produzione, che, comparata tra i primi nove mesi del 2022 con il 2023, evidenza un incremento passando da 25 a 27 milioni di euro, senza contare glia altri ricavi sanitari, ci dice che questa è la strada giusta, consapevoli tuttavia dei notevoli costi che comportano un notevole disavanzo».
A riprova cita la Pneumologia, che ha un nuovo direttore, la Tisiologia, elevata al rango di Struttura complessa con un proprio direttore, e la Struttura semplice di Malattie infettive, con il relativo direttore. Anticipa che l’Ortopedia potrà presto contare su un robot per la chirurgia ortopedica-robotica, che verrà ulteriormente rafforzato il polo riabilitativo con l’Unità spinale, centro di riferimento non solo regionale e attore principale al tavolo di coordinamento regionale previsto dalla legge 27/2022, che verranno attivati cinque posti letto per la cura delle gravi cerebro lesioni acquisite (cod. 75), che è prevista un’innovazione tecnologica con la palestra di digitale.
Tante idee e progetti per sviluppare l’attività del Morelli: un impegno tangibile da parte di Regione Lombardia e Asst che vale più delle voci infondate che raccontano una realtà diversa. Melazzini si è soffermato sulla questione dei posti letto: nel 2012 erano 508 quelli accreditati e 320 quelli attivati, ma erano tempi diversi. Oggi sono 459 quelli accreditati, di cui 226 attivi, principalmente a causa della carenza di personale, ma il rilancio non si valuta sui posti letto in più, che magari rimarrebbero vuoti, ma sull’attività quotidiana. Oggi al Morelli sono ricoverate 186 persone e ieri gli accessi al Pronto soccorso sono stati 40, oltre ai 25 al Punto di primo intervento di Livigno.
La carenza del personale è importante, non solo per il Morelli, ma è la criticità in questo momento, per tutta la sanità. «Non abbiamo alternative al ricorso a cooperative di medici per il servizio di Cardiologia, l’Ortopedia, il Pronto soccorso notturno, la Radiologia, l’Ostetricia e la Ginecologia, se vogliamo garantire il servizio agli utenti – ha evidenziato il dottor Melazzini -: è una situazione che vivono molti ospedali e in Valtellina scontiamo anche la difficoltà nei collegamenti. Mancano gli infermieri per rispettare i criteri minimi di accreditamento e per garantire la qualità e sicurezza nell’assistenza indicati da Regione Lombardia: se ne avessimo almeno 36 in più potremmo dare avvio ad ulteriori attività».
Oltre alla carenza di personale e alla parziale resistenza interna al cambiamento, ha individuato nella lentezza burocratica uno dei principali problemi: «Nessuno mi ha messo i bastoni tra le ruote, altrimenti l’avrei detto, ma se non siamo riusciti a realizzare quanto mi ero prefissato nei tempi previsti è a causa della lentezza burocratica. Il tempo per me non è una variabile, la differenza la fanno gli uomini». Lo sguardo al futuro non può non soffermarsi sulle Olimpiadi del 2026 e su quanto ci potranno lasciare, a fronte di quanto prevede il Comitato Olimpico Internazionale sull’organizzazione medica: un polo medico in ciascun villaggio olimpico e un presidio ospedaliero di riferimento entro 15 minuti dalle sedi di gara. Il tutto a servizio non solo degli atleti ma anche e soprattutto di ospiti e spettatori. Si dovrà intervenire per rendere più efficienti le strutture e tutto questo rimarrà per i valtellinesi. La chiusura del dottor Melazzini: «Indipendentemente da ciò che succederà, la volontà di Regione Lombardia è sempre la stessa, ovvero valorizzare la sanità di montagna, affinché i residenti abbiano la stessa risposta di chi vive nelle aree urbane, con un’organizzazione in una logica di rete. Sondalo è un nodo della rete e ora ha una sua organizzazione: come dico sempre le persone vanno e vengono ma le azioni e i fatti rimangono».






Written by: Redazione

Rate it