News

Padre Arialdo, missionario di Isolaccia, salta su una mina per la seconda volta. “E’ illeso ma ci sono tre morti”

today17 Aprile 2023 547 1

Background
share close






cover 2

Una mina ha colpito e fatto saltare in aria la jeep dipadre Arialdo Urbani, missionario betharramita inRepubblica Centrafricana.

Il religioso – che ha 83 anni e dal 1986 opera nel villaggio di Niem, nel nord-ovest del Paese – sta bene ma tre persone che viaggiavano con lui, di cui un bambino, sono morte sul colpo e altre sei sono ferite.

Ieri sera padre Arialdo stava percorrendo la pista da Bogbatoyo a Niem, al termine di una giornata in visita al villaggio sede di una delle prime scuole fondate dal missionario.

Era a bordo della sua jeep e a circa 50 km dall’arrivo, all’altezza del villaggio La Douane, è incappato in uno dei tantiordigni disseminati dalle forze ribelliche mettono a ferro e fuoco il territorio dall’inizio della guerra civile.

La macchina ha colpito la mina con la ruota anteriore e a fare le spese dell’impatto sono stati i passeggeri che viaggiavano nei sedili posteriori e a bordo del cassone del veicolo.

Il confratello e medico padre Tiziano Pozzi si è subito recato sul posto, ha prestato i primi soccorsi, trasportato i feriti, di cui due sono gravi, all’ospedale di Niem e diramato il primo bollettino da cui si apprende che padre Arialdo è frastornato per il forte colpo mamiracolosamente non ha riportato conseguenze gravi.
È la seconda volta che il missionario salta su una mina.

Gli era capitato soltantodue anni fa, anche quella volta a pochi chilometri da Niem: pure in quell’occasione padre Arialdo era rimasto illeso mentre unaterza persona, che aveva trovato un passaggio sulla jeep del missionario, era morto a seguito dell’impatto.

Purtroppo non si tratta di una vicenda isolata.

Secondol’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, che ha diramato unreport sulle mine anti-uomoappena settimana scorsa, gli incidenti conordigni esplosivi sono in aumentoproprio nella parte occidentale del Paese e le vittime sono soprattutto civili.

Se nel 2020 si erano registrati solo due incidenti di questo genere, peraltro con nessuna vittima, l’anno scorso il numero è salito a 54 per un totale di 12 morti.

Solo nei primi mesi del 2023, poi, si sono già verificati30 incidenti con mine che hanno ucciso 14 persone.

A febbraio un altro missionario italiano, il carmelitano padre Norberto Pozzi, è rimasto gravemente ferito in un incidente con una mina, analogo a quello capitato ieri a padre Arialdo.

La presenza di mine sul territorio è una modalità di attacco relativamente nuova per la Repubblica Centrafricana, che pure ha conosciuto innumerevoli conflitti negli ultimi decenni.

L’uso diordigni esplosiviè diventata una prassi per i ribelli, che li usano per assicurare le porzioni di territorio conquistate, tendere imboscate e rallentare l’avanzata della milizia russa Wagner, assoldata dal governo per provare a riprendere il controllo del Paese.

Non conoscendo il territorio, i russi usano per spostarsi solo le vie principali che per questa ragione i ribelli imbottiscono di ordigni.

Attualmente i russi hanno installato la loro base a Yelowa-Niem, da cui si muovono verso nord, e sono impegnati soprattutto nellaregioni occidentali del Centrafricache attualmente risultano dunque le più instabili e pericolose.







Written by: Radio TSN

Rate it

Previous post

U9 2023 Sorico2

News

RUGBY. IL WEEKEND DEL SONDALO

UNDER 16 DIEGO ZEN IN META NELLA SELEZIONE LOMBARDA Diego Zen, prodotto del vivaio del Rugby Sondalo, quest’anno in forza alla franchigia Under 17 targata Delebio, si è messo in luce siglando due mete nella selezione Lombarda Under 16 che ha partecipato al “Memorial Dadati” disputatosi a Piacenza ed al quale erano presenti le formazioni di Lombardia, Piemonte, Liguria, Veneto, Friuli, Emilia Romagna, Toscana, Lazio e Abruzzo. UNDER 15 ESORDIO […]

today17 Aprile 2023 173 2