News

VALCHIAVENNA SEMPRE PIÙ CARDIOPROTETTA: VOLONTARI 3 VALLI E LIONS CLUB CON LA COMUNITÀ MONTANA PER POTENZIARE I DEFIBRILLATORI

today1 Agosto 2023 116

Background
share close






WhatsApp Image 2022 10 17 at 10 42 13 3 FB236536

Aumentare il numero dei defibrillatori, installarli nei punti strategici, renderli accessibili al maggior numero di
persone possibile, allargarne l’utilizzo: la strategia della Comunità Montana Valchiavenna per migliorare il
tasso di sopravvivenza a un arresto cardiaco e ridurre gli esiti neurologici invalidanti è fondata sulla diffusione
della cultura della rianimazione cardiopolmonare tra la popolazione. Sono questi gli obiettivi di “Valchiavenna
Cardioprotetta”, progetto su larga scala che si realizza in una sinergia tra pubblico e privato, in continuità con
le iniziative già promosse. All’impegno dell’ente comprensoriale che, negli anni, ha acquistato e installato
una trentina di apparecchi, si uniscono l’Associazione Volontari 3 Valli, che si occuperà della loro
manutenzione e dei corsi di formazione, il Lions Chiavenna, che ne ha donati sei, e di una famiglia a ricordo
dei propri cari a cui si deve l’acquisto di quello messo in funzione domenica scorsa a Fraciscio. Attualmente
i defibrillatori attivi in Valchiavenna sono una cinquantina (tra quelli privati e quelli inclusi in questo progetto),
compresi quelli di nuova installazione, presenti in tutti i Comuni e presso i centri sportivi e le palestre.

Nello specifico, la convenzione ha per oggetto la realizzazione del programma di sviluppo della defibrillazione
precoce dei cittadini colpiti da arresto cardiaco. La Comunità Montana ha affidato all’Associazione Volontari
3 Valli la prosecuzione del progetto “Defibrillatori”, a suo tempo varato dall’ente in collaborazione con la
Croce Rossa, che comprende l’installazione di ulteriori apparecchi, completi di idonea strumentazione e di
teche per esterno riscaldate e allarmate, e la loro manutenzione e gestione. Operatori dell’associazione,
adeguatamente formati, verificheranno periodicamente il regolare funzionamento dei defibrillatori.
L’associazione si occuperà inoltre della formazione per ampliarne l’utilizzo in caso di necessità. La legge,
infatti, prevede che in assenza di personale sanitario o non sanitario formato, nei casi di sospetto arresto
cardiaco è consentito l’uso del defibrillatore semiautomatico o automatico a chiunque ne sia in grado. «Più
persone sapranno utilizzarlo e più questo strumento potrà salvare vite umane sottolinea il presidente della
Comunità Montana Valchiavenna Davide Trussoni . Manutenzione e formazione sono due aspetti
fondamentali poiché i defibrillatori, in caso di necessità, dovranno essere pronti all’uso. Allo stesso modo per
garantire la sicurezza della popolazione devono essere diffusi capillarmente ed essere presenti in particolare
nei luoghi dove si svolge attività fisica e quelli più distanti dai presidi sanitari. Con questa iniziativa andiamo
a potenziare e a completare un progetto che ci vede impegnati da alcuni anni finalizzato a migliorare la
sicurezza della nostra valle».

Formazione significa anche sensibilizzazione della popolazione rispetto alla disponibilità e all’utilizzo dei
defibrillatori: azioni su cui si concentra l’attività di Volontari 3 Valli. «Come associazione puntiamo sulla
diffusione delle manovre salvavita tra la popolazione spiega la presidente Laura Tassi e attraverso questo
progetto potremo formare tante persone. Non bisogna temere il defibrillatore: imparare a utilizzarlo è
semplice e ognuno di noi può fare la differenza». I corsi, della durata di cinque ore, una di teoria e quattro di
pratica, inizieranno subito dopo l’estate: possono iscriversi tutte le persone maggiorenni, alle quali verrà
rilasciato un attestato valido su tutto il territorio nazionale». La partnership tra pubblico e privato prevista dal
progetto si allarga a privati cittadini e a un sodalizio come il Lions Club. «Era nostra intenzione intervenire
sul territorio con un’iniziativa che fosse patrimonio di tutti afferma il presidente del Lions Club
Chiavenna Luigi Tavasci . Di fronte a un progetto così importante per la valle abbiamo offerto un contributo
per completarlo, apprezzandone i contenuti e condividendo la finalità di poter disporre di apparecchi che
salvano vite umane e di mantenerli nella loro piena efficienza negli anni a venire».

A questo link
https://www.areu.lombardia.it/web/home/mappadaelombardia è possibile verificare la
collocazione dei DAE attivi sul territorio (il sito viene costantemente aggiornato in base alle nuove attivazioni).







Written by: Radio TSN

Rate it

Previous post

Locandina Picca de Crap 2023

News

“LA PICA DE CRAP” E “IL MOSCHETTONE DELLA SOLIDARIETÀ”

  In calendario per l’11 agosto al Centro polifunzionale di Spriana la tradizionale rassegna del Cai Sezione Valtellinese di Sondrio e della Fondazione Luigi Bombardieri   Tornano anche quest’anno La Pica de Crap – giunta all’undicesima edizione – e Il Moschettone della solidarietà (numero nove), i due premi ideati da Elio Parolini e organizzati, inizialmente, nell’ambito del Festival di montagna “La Magnifica Terra”. Avviata nel 2011 nel comprensorio di Bormio […]

today1 Agosto 2023 103