News

RIFUGI E ALPEGGI, ASSESSORE SERTORI: 5,6 MILIONI PER CONTRASTARE ‘SCARSITÀ’ IDRICA

today31 Agosto 2023 55

Background
share close






img 5024
 

DEFINITE MODALITÀ DEL NUOVO ‘BANDO BACINI’, PRESENTAZIONE DOMANDE DA LUNEDÌ 25 SETTEMBRE

 

Con la nuova iniziativa denominata ‘Bando piccoli bacini’, Regione Lombardia finanzia 5,6 milioni di euro, a fondo perduto, per interventi di realizzazione, ripristino e manutenzione straordinaria di piccoli bacini e sistemi di raccolta e stoccaggio delle acque, nonché dei relativi sistemi di adduzione e distribuzione.

 

Le domande potranno essere presentate a partire da lunedì 25 settembre entro il 1° dicembre 2023. Le richieste dovranno essere inserite tramite la piattaforma bandi online, all’indirizzo www.bandi.regione.lombardia.it.

 

“Il nuovo bando – ha spiegato l’assessore agli Enti locali, Montagna, Risorse energetiche, Utilizzo risorsa idrica, Massimo Sertori – definisce modalità e tempi della procedura per l’assegnazione delle risorse. Abbiamo l’obiettivo di sostenere concretamente l’attività agricola (malghe e alpeggi) e ricettiva (rifugi) e di assolvere le funzioni di antincendio boschivo nei territori montani”.

 

“Attraverso questa azione strutturale – conclude Sertori – intendiamo contrastare i fenomeni di scarsità idrica, contribuendo contestualmente alla salvaguardia e alla valorizzazione dei territori montani lombardi”.

 

Le risorse sono destinate a enti pubblici e a soggetti privati, quali Comuni montani o parzialmente montani e loro Unioni, Comunità Montane, imprese agricole, imprenditori agricoli, proprietari e gestori di malghe, alpeggi e rifugi e consorzi forestali e d’alpeggio.

 

Il contributo massimo riconoscibile è pari al 50% della spesa ammissibile e per un importo massimo pari a 100.000 euro. Per i Comuni con popolazione sino a 5000 abitanti e per le Comunità Montane il contributo è riconosciuto fino al 90% della spesa per gli interventi.

 

Gli interventi finanziabili sono:

 

– realizzazione, ripristino e manutenzione straordinaria di piccoli invasi e sistemi di raccolta e riuso delle acque;

 

– realizzazione, ripristino e manutenzione straordinaria di sistemi di adduzione e distribuzione delle acque, anche in pressione, collegati agli invasi o ai sistemi di raccolta di acque;

 

– realizzazione, ripristino e manutenzione straordinaria di punti di abbeverata (vasche, pozze, etc);

 

– realizzazione e manutenzione straordinaria di impianti di filtraggio, trattamento e potabilizzazione delle acque;

 

– ampliamento e manutenzione straordinaria di vasche fisse o mobili di raccolta delle acque per l’antincendio boschivo, nonché dei relativi sistemi di adduzione;

 

– realizzazione di nuove vasche fisse o mobili per l’antincendio boschivo se ricadenti nei territori in classe di rischio degli Enti con competenza AIB 3 (elevata) di cui al Piano Regionale delle attività di prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi 2023.

 







Written by: Radio TSN

Rate it

Previous post

Chiavenna S.Fedele 2

News

Chiavenna. Una via per Don Luciano Oreggioni 

" La Giunta Comunale di Chiavenna ha approvato la proposta ufficiale di dedicare una via a Don Luciano Oreggioni, costruttore della Chiesa di San Fedele e per molti anni parroco della stessa realtà. Quest'anno ricorrono i 100 anni dalla nascita di Don Luciano e abbiamo ritenuto importante esprimere un segno concreto per realizzare la gratitudine ed il ricordo di tutta la comunità di Chiavenna. Si tratta di una scelta condivisa […]

today31 Agosto 2023 97