News

AmbriaJazz conquista il Premio Festival Italiano 2023

today5 Settembre 2023 123

Background
share close






TARGA AMBRIAJAZZ
Ambriajazz conquista a L’Aquila nell’ambito del il festival “il jazz italiano per le terre del sisma” il premio per il miglior festival italiano. Un riconoscimento importantissimo che giunge in questo 2023 che è anche quello dell’edizione numero 15 di questa rassegna che porta la firma di Giovanni Busetto, della sua inseparabile Norma Ghizzo, ma anche dei tanti, tantissimi volontari che in questi anni hanno portato avanti con caparbietà, e sempre in crescendo, un’iniziativa musicale itinerante di qualità, spesso con proposte innovative (pure troppo per un posto dove le novità faticano ad attecchire e a incuriosire quale è la provincia di Sondrio…) e visionarie e nel segno di una convinta anima green. Il premio ritirato da Norma e Giovanni a L’Aquila rappresenta dunque anche il coronamento di questa tenacia nel volere portare il miglior jazz in circolazione tra le nostre montagne. Ecco le parole di Marina Magri, amica e fotografa ufficiale della bella storia di Ambria Jazz dagli albori ad oggi.

Ebbene sì, abbiamo vinto il Premio festival italiano 2023.

Una grande emozione, una grande gioia e tanta soddisfazione.

Perché non è facile portare avanti per 15 anni un festival in un posto che facile non è, la Valtellina, e portarlo avanti sempre in crescendo.

Grazie a Giovanni, mente cuore e anima di AmbriaJazz, che ci ha creduto dall’inizio e non si è mai arreso.

Grazie a Norma, colonna portante, che riesce a tenerci in riga dribblando tra i doveri burocratici e le goliardate.

Grazie a chi ci sostiene economicamente (speriamo aumentino) e chi ci sostiene con il calore e la partecipazione ai nostri concerti.

Grazie agli artisti che ci onorano della loro presenza e della loro amicizia, ne sono passati quasi 600 in questi anni.

Grazie soprattutto a noi tutti volontari, che tra alti e bassi abbiamo imparato negli anni a fare squadra, a parlare al plurale, come giustamente dice Giovanni. Tutti uguali, tutti indistintamente necessari”.







Written by: Redazione

Rate it