News

Centenario della morte di don Minzoni, il presidente dell’omonimo Centro sondriese alla commemorazione ad Argenta

today1 Settembre 2023 34

Background
share close






La tomba di don MInzoni nella chiesa di S.Nicolo ad Argenta

Lo scorso 25 agosto scorso, il presidente del Centro Culturale e Sociale don Minzoni di Sondrio Aurelio Benetti, accompagnato dalla moglie, ha ritenuto giusto, in rappresentanza di tutti i soci iscritti, partecipare alla commemorazione del sacerdote martire, che ha dato il nome al Centro, nel centenario della morte provocata ad Argenta da una brutale aggressione a bastonate di squadristi fascisti il 23 agosto del 1923.

Ha seguito, in questa occasione, lo stesso itinerario del presidente della Repubblica Mattarella che, dal Meeting di Rimini in mattinata dove ha rivolto un saluto e un discorso ai partecipanti del noto e grande evento culturale, è giunto nel pomeriggio ad Argenta, luogo della morte violenta, a soli 38 anni, di don Minzoni, dove, dopo aver deposto una corona di fiori sulla tomba del sacerdote nella chiesa di S. Nicolò, si è soffermato nel luogo dell’assassinio a pochi passi dalla chiesa.

Presenti alla cerimonia le autorità civili e militari locali, il presidente della Regione Stefano Bonaccini, il Sindaco di Argenta e l’ arcivescovo di Ravenna-Cervia Lorenzo Ghizzoni.

Il 23 agosto, giorno esatto del centenario, il presidente della CEI card. Matteo Zuppi, alla presenza di tutti i vescovi della Regione, aveva celebrato una Messa alle ore 18 nella chiesa parrocchiale durante la quale ha annunciato l’avvio della fase diocesana del processo di beatificazione del sacerdote.

Don Minzoni, nato a Ravenna nel 1885, arciprete di Argenta dopo il ritorno dalla prima guerra mondiale dove meritò diverse onorificenze, per la sua gente aveva promosso e sostenuto lo scoutismo e molte altre associazioni di carattere educativo e sociale in questo avversato dal regime fascista, e due anni prima, nel maggio del 1921, aveva condannato pubblicamente la prepotenza fascista che aveva con la violenza costretto alle dimissioni il Consiglio Comunale di Argenta e ucciso l’unico consigliere che si era rifiutato, il socialista Natale Gaiba. Rappresenta bene quindi, anche oggi, quella che deve essere la presenza sociale e la resistenza dei cattolici, e non solo di questi, a tutti i regimi totalitari che invece del bene comune hanno come obiettivo il potere politico gestito con l’intolleranza e la violenza.

(testo e foto di Aurelio Benetti)







Written by: Redazione

Rate it

Previous post

scatta in valtellina

News

Esperti bike alla scoperta del territorio: estratti i vincitori del concorso “Scatta in Valtellina”

Una destinazione che offre una moltitudine di possibilità per gli appassionati bike: dalle grandi salite del ciclismo su strada ai numerosi sentieri per la mountain bike, dagli itinerari di cicloturismo come Sentiero Valtellina e Ciclabile Valchiavenna fino ai Wine Bike Tour, ideali per abbinare enogastronomia e bicicletta. Questi e altri approfondimenti sono stati i temi del Valtellina Bike Magazine, realizzato da Valtellina Turismo e distribuito in occasione di fiere ed […]

today1 Settembre 2023 43